In rete chiedono di bere il liquido rosso del sarcofago nero

 

Sul sito change.org c'è una raccolta firme per una petizione per consentire a tutti coloro che lo desiderano di provare il liquido del sarcofago nero trovato recentemente in Egitto. Sarcofago. L'autore della petizione è l'inglese Innes Mckendrick, che ha proposto di fare del liquido un frizzante cocktail di energia da far provare a tutti. Al momento la petizione ha raccolto più di 8300 firme.

Il sarcofago millenario portato alla luce ad Alessandria d'Egitto è stato aperto. Ma questo non è bastato per fermare la fantasia di molti. Nonostante, infatti, il contenuto sia stato rivelato (tre scheletri, appartenenti probabilmente a tre soldati vissuti ai tempi dei Faraoni, ndr), su Charge.og è stata avviata una petizione - che conta già più di 11mila firme - affinché il liquido rosso maleodorante rinvenuto nella tomba possa essere bevuto. Secondo alcuni, infatti, si tratterebbe di un elisir di lunga vita.

I resti dei corpi, non mummificati, sono stati ritrovati immersi in quella specie di acqua putrida, dal colore rossiccio. Ma di cosa si tratta? Il ministro responsabile dei beni storici e culturali dell'Egitto si è affrettato a chiarire che quel liquido non proviene dalle mummie e non contiene alcun elisir di lunga vita. Non toccato dai saccheggiatori, sigillato nel gigantesco sarcofago di granito nero, più di duemila anni fa, è stato trovato all'inizio di luglio, durante lo svolgimento dei lavori per la costruzione sotto uno degli edifici nella città egiziana di Alessandria. ​Successivamente, all'interno di questo sarcofago sono state trovate tre mummie, che, come si presume, appartengono ai caduti in un'antica battaglia.

Bere quel liquido, comunque, potrebbe non essere un'esperienza piacevole a causa del suo odore tanto più che potrebbe essere semplicemente acqua di scolo, penetrata nella tomba nel corso dei secoli. Comunque buona bevuta.

Peppino Barlocco

pubblicato 06 luglio 2018

Facebook Twitter Pinterest Baidu LinkedIn Blogger Informazione